Questo portale non gestisce cookie di profilazione, ma utilizza cookie tecnici per autenticazioni, navigazione ed altre funzioni. Navigando, si accetta di ricevere cookie sul proprio dispositivo. Visualizza l'informativa estesa.
Hai negato l'utilizzo di cookie. Questa decisione può essere revocata.
Hai accettato l'utilizzo dei cookie sul tuo dispositivo. Questa decisione può essere revocata.

Palazzo d'Alfonso (Castriota-Ferrari-Montuori-Lillo-Fai)

Categoria Territorio, Da visitare, Palazzi ed edifici storici

Fatto costruire da Alfonso Granai-Castriota, marchese d'Atripalda, il palazzo fu dato in dote al nipote don Pirro Granai-Castriota (i probabili volti dei due personaggi ...

Fatto costruire da Alfonso Granai-Castriota, marchese d'Atripalda, il palazzo fu dato in dote al nipote don Pirro Granai-Castriota (i probabili volti dei due personaggi sono raffigurati negli estradossi del portale). Fu comprato dai Ferrari, unitamente al feudo,, nel 1691: Nel 1788, durante la stesura del catasto, risulta inabitato e sappiamo che serviva " (....) per uso di magazeni luogo detto la Piazza (...)". Pervenuto alla famiglia Montuori, vi abitò nell'Ottocento Filippo Montuori che, non avendo avuto figli ed essendogli morto a soli 23 anni il nipote prediletto Rosario Montuori allevato in famliglia, lo lasciò in eredità a Felice Lillo, nipote della moglie donna Livia Lillo. Costui avendo sposato Realina Tanza di Galatina e non avendo avuto figli, lasciò erede del palazzo la moglie; da lei pervenne ai nipoti, i Tanza di Galatina, dai quali è stato venduto alla famiglia Fai.Oggi, dopo aver elegantemente restaurato il palazzo, vi abita il dott. Dario Fai.

Testo e foto sono tratti dal libro "Parabita nel '700" di O.Seclì. Ed.: Il Laboratorio-Parabita

  • Info e recapiti

Direttiva per la qualità dei servizi on line e la misurazione della soddisfazione degli utenti

Hai trovato utile, completa e corretta l'informazione?
  • 1 - COMPLETAMENTE IN DISACCORDO
  • 2 - IN DISACCORDO
  • 3 - POCO D'ACCORDO
  • 4 - ABBASTANZA D'ACCORDO
  • 5 - D'ACCORDO
  • 6 - COMPLETAMENTE D'ACCORDO
Torna a inizio pagina