Questo portale non gestisce cookie di profilazione, ma utilizza cookie tecnici per autenticazioni, navigazione ed altre funzioni. Navigando, si accetta di ricevere cookie sul proprio dispositivo. Visualizza l'informativa estesa.
Hai negato l'utilizzo di cookie. Questa decisione può essere revocata.
Hai accettato l'utilizzo dei cookie sul tuo dispositivo. Questa decisione può essere revocata.

Palazzo dei Veneziani (Bellisario-Cataldi-Liguori-Cataldo)

Categoria Territorio, Da visitare, Palazzi ed edifici storici

La tradizione dice che i Bellisario avevano origini venete e, a riprova di ciò, il palazzo, di chiara struttura cinquecentesca, è conosciuto come Palazzo dei Veneziani...

La tradizione dice che i Bellisario avevano origini venete e, a riprova di ciò, il palazzo, di chiara struttura cinquecentesca, è conosciuto come Palazzo dei Veneziani. Testimonianza è anche l'icona dedicata a S. Marco Evangelista, il santo della Serenissima. Probabilmente il palazzo apparteneva ai Giubba una cui figlia, Ippolita, nel 1702 aveva sposato Giacomo Bellisario. Famiglia di Giudici e Dottori Fisici, annovera Giuseppe Bellisario che fu corrispondente del gallipolino Giovanni Presta al quale partecipò numerosi dati sulla molitura delle olive. Il figlio Nicola fu valente medico e sua moglie Angela Castrignanò, rimasta vedova, vi tenne bottega lorda, ma per i numerosi debiti la casa fu posta in vendita ed acquistata dai Cataldi. Successivamente venne in possesso di Michela Liguori che vi tenne licenza di sali e tabacchi.

Testo e foto sono tratti dal libro "Parabita nel '700" di O.Seclì. Ed.: Il Laboratorio-Parabita

  • Info e recapiti

Direttiva per la qualità dei servizi on line e la misurazione della soddisfazione degli utenti

Hai trovato utile, completa e corretta l'informazione?
  • 1 - COMPLETAMENTE IN DISACCORDO
  • 2 - IN DISACCORDO
  • 3 - POCO D'ACCORDO
  • 4 - ABBASTANZA D'ACCORDO
  • 5 - D'ACCORDO
  • 6 - COMPLETAMENTE D'ACCORDO
Torna a inizio pagina